Terminal Crociere, molo di Ichnusa (Cagliari)

Da WikiSpesa.
Share/Save/Bookmark

Ichnusacopertina.png


Terminal di porto costruito nel 2008 e progettato per far attraccare le navi da crociera presso il molo Ichnusa. Al 2014 la struttura risulta inutilizzata; solo a lavori completati è stato infatti realizzato che il fondale, di 6,40 metri era incompatibile con la funzione designata in quanto le navi da crociera hanno un pescaggio non inferiore ai 10 metri.


Il progetto


Il progetto, se non fosse stato per la falla che ne ha però vanificato la destinazione d'uso, è stato realizzato con grande attenzione al dettaglio, una circostanza dall'esito paradossale che ha per questo destato clamore, oltre che per l'ingenza dello spreco di risorse pubbliche.

Strutturato in acciaio e chiuso da lastre di vetro a creare un effetto vetrina sul porto della città, è coperto lateralmente da pannelli bianchi che si alternano alle aperture d'entrata caratterizzando le chiusure verticali trasversali e longitudinali con una facciata ventilata che, in prossimità di una zona umida e salmastra, garantisce la circolazione naturale dell'aria nelle intercapedini dell'edificio anche in condizioni estreme.

Le chiusure orizzontali, sorrette da tiranti agganciati a pilastri di un'altezza superiore ai 30 metri, sono caratterizzate da un effetto che simula il comportamento degli alberi di un veliero dalle grandi dimensioni.

In ottobre 2010 si è tenuta la gara d'appalto per la gestione dell'impianto, che non ha però registrato partecipanti. I requisiti minimi erano la realizzazione di un bar, di un ristorante, di una sala convegni e di una pizzeria e il contratto avrebbe previsto 349mila euro di canone annuo per un totale di quindici anni, circa 5 milioni euro, ossia il costo complessivo della struttura, inutilizzabile visto che il problema del fondale rimaneva irrisolto.


Terminalichnusa.png


Costi


La costruzione è stata realizzata per un costo di 5 milioni di euro dall'impresa di costruzioni Gecopre.

Successivamente sono stati realizzati lavori di completamento dell'arredo urbano del molo per un costo di 490mila euro con la sistemazione di panchine coperte per proteggersi da pioggia o sole e fioriere intorno alla zona predisposta per accogliere i turisti che sarebbero dovuti sbarcare dalle navi da crociera.

La struttura copre un'area di circa 20mila metri quadrati con conseguenti rilevanti costi di manutenzione. All'inutilizzo della struttura è però seguita l'incuria: la struttura presenta infatti acciai arrugginiti, vele strappate, vetri spaccati, panchine gonfiate dall'umidità e cancellate divelte.


Cambiamento di destinazione d'uso


A inizio 2011 l'allora presidente dell'Autorità Portuale Paolo Fadda ricevette l'autorizzazione dal Ministero dell'Ambiente per la realizzazione degli scavi d'abbassamento del fondale. Il costo complessivo stimato per l'operazione era tra i 2 e i 3 milioni di euro e venne manifestato l'interesse della Dravo S.A., specializzata in operazioni di dragaggio e dell'Olandese Van Der Salm.

I lavori sarebbero potuti iniziare già nel 2008 ma intervenne la sovrintendenza archeologica per svolgere le indagini sul fondale. Il progetto venne così bloccato dalla valutazione d'impatto ambientale, su cui si dovevano pronunciare la Provincia e l'agenzia regionale Arpas.

Risolti i limiti ambientali vennero riscontrati limiti strutturali che fecero abbandonare il progetto. Le operazioni di scavo avrebbero infatti destabilizzato le stesse fondamenta del molo Ichnusa e, per poter portare a termine il lavoro sarebbe stato necessario ripristinare totalmente non solo il molo, ma l'intera struttura, con l'ammontare della spesa.

A distanza di cinque anni dal completamento dell'opera, si delinea per il 2014 una definitivo cambiamento della destinazione d'uso: il presidente dell'Autorità Portuale Piergiorgio Massidda ha stabilito che le crociere attraccheranno sul molo Rinascita, mentre il molo Ichnusa diverrà un porto grandi yacht.


Ichnusa3.png


Fonti

http://urbancenter.eu/articoli/architettura-e-urbanistica/cagliari-che-non-c-e/11066-il-terminal-crociere-al-molo-ichnusa

http://lanuovasardegna.gelocal.it/cagliari/cronaca/2013/09/12/news/ichnusa-ecco-il-molo-dei-maxi-yacht-1.7733178