Pontile ex Sir, Lamezia Terme (Catanzaro)

Da WikiSpesa.
Share/Save/Bookmark

Pontilesir1.png


Progetto

Il pontile, costruito nel 1971, si protende per 640 metri (interrotti dal crollo della struttura) davanti all’area industriale di Lamezia Terme e avrebbe dovuto servire il grande impianto chimico della Sir (Società Italiana Resine) permettendo l'attracco di navi per lo scarico e il carico di materiali necessari per il funzionamento degli impianti.

Finanziato dallo Stato, con 230 miliardi di lire dell’epoca (costo del complesso industriale), rientrava in un pacchetto di investimenti industriali varato dal ministro dell'Industria, commercio e artigianato Emilio Colombo a seguito dei "Moti di Reggio", sommossa popolare avvenuta a Reggio Calabria dal luglio del 1970 al febbraio del 1971, in protesta della decisione di collocare il capoluogo di regione a Catanzaro con l'istituzione degli enti regionali [1]. L'investimento pubblico venne infatti considerato come un mezzo anche per temperare e bilanciare i benefici provenienti dal governo dell'epoca, con la promessa di 3mila posti di lavoro.

È crollato nell’ottobre 2012 senza che mai alcuna nave vi avesse attraccato, utilizzato solo da alcuni pescatori. La parte iniziale della struttura ha ceduto sprofondando in riva al mare del golfo di Sant'Eufemia.


Pontilesir2.png



Rischio inquinamento

Al 2014 è di proprietà, per quel che rimane, del demanio. Tuttavia si sono verificate discordanze sulle responsabilità amministrative per le procedure di bonifica sui sedimenti marini accumulatisi a seguito del crollo, in attesa di una soluzione per evitare danni ambientali.[2]



Pontilesir3.png


La notizia dello sversamento in mare di pericolose sostanze inquinanti quali Policlorobifenili e Diossine provenienti dallo stabilimento ex SIR di Lamezia Terme ,ha fatto mobilitare il WWF Calabria, che ha sollevato diversi interrogativi sull’ entità e la pericolosità del fenomeno. L'inquinamento, che sarebbe stato causato anche dalla rottura di un vecchio trasformatore dello stabilimento, denuncia l'associazione, è stato rilevato a distanza di un anno dall’ordinanza con cui la provincia di Catanzaro aveva cercato di imporre la bonifica del sito inquinato, nei pressi del pontile. Dopo la sentenza del TAR che ha annullato quella delibera, non è più stata avviata la caratterizzazione dei sedimenti e delle acque di superficie, nonostante i risultati delle analisi sui campioni rilevassero appunto la presenza delle sostanze inquinanti.

L'intera area della ex SIR versa in condizioni di fatiscenza e di abbandono e necessiterebbe di un progetto di bonifica integrale per evitare il verificarsi di ulteriori danni all’ambiente oltre che per il ripristino del decoro della zona.


L'area industriale

Pontilesir4.png

L'area industriale della Sir, specializzata nella produzione di resine fenoliche, venne costruita nel contesto del "Pacchetto Colombo", dal nome del ministro per le politiche industriali, proprio come iniziativa strategica per lo sviluppo industriale della zona. La strategicità più certa era però riconosciuta nel tentativo governativo di offrire un "contentino" per calmare il malcontento diffusosi nella zone dopo i "Moti di Reggio", sommossa popolare avvenuta a Reggio Calabria dal luglio del 1970 al febbraio del 1971, in protesta della decisione di collocare il capoluogo di regione a Catanzaro con l'istituzione degli enti regionali [3].

Venne infatti promesso che il progetto industriale avrebbe portato alla creazione di 3mila posti di lavoro.

Nino Rovelli, industriale del Nord, si accordò con lo Stato per rilevare circa 200 ettari dell’area lametina poi diventati 400. Il finanziamento totale, e a fondo perduto dello Stato al gruppo imprenditoriale Rovelli, da 45 miliardi lievitò fino 230 miliardi di vecchie lire per la realizzazione dell’intero complesso che avrebbe dovuto occupare, per l’esattezza, 2345 persone.

Il progetto si rivelò però presto fallimentare, così la fabbrica chiuse e l'area venne abbandonata.

Negli anni successivi l’amministrazione comunale riacquistò i terreni per creare “LameziaEuropa”, Società che di fatto possiede i 400 ettari che furono dell’ex Sir. Nell’area vi è oggi anche l’AsiCat, l’Agenzia di sviluppo industriale della provincia catanzarese.

Non venne mai realizzato però un completo recupero della zona, che anzi è stata luogo di discariche abusive. A novembre 2010 vennero infatti sequestrate cinque aziende nell’Area Ex Sir [4]. Due pattuglie radiomobili della Capitaneria di Porto di Vibo Valentia Marina, congiuntamente a militari della delegazione di spiaggia di Gizzeria Lido, procedettero a sottoporre a sequestro cinque aree ricadenti nella zona industriale ex SIR di Lamezia Terme, per discarica non autorizzata di rifiuti speciali industriali, per accumuli di fanghi di depurazione senza la prevista autorizzazione e interramento di cumuli di lana di vetro senza rispettare i criteri tecnico progettuali, che arrecano rischio per le matrici ambientali interessate (suolo, sottosuolo e falde acquifere). Le cinque aree sequestrate dalla Polizia Giudiziaria operante, composta da sei militari del Servizio Operativo della Guardia Costiera di Vibo Valentia Marina e due della Guardia Costiera di Gizzeria Lido, ammontano ad una superficie di circa 15.000 mq. Dalla relazione tecnica dell’Arpacal sono emerse carenze costruttive rilevate sia negli atti progettuali che sulle opere realizzate, sulle aree dove sono state interrati rifiuti speciali industriali quali la lana di vetro, accumuli di rifiuti di vario genere tra cui fibre di cemento (eternit), uno stoccaggio abusivo di fanghi derivanti dalla depurazione senza la prevista autorizzazione, un vasto accumulo con la realizzazione di collinette di lana di vetro.


Pontilesir5.pngPontilesir6.png


Fonti

http://www.nationalgeographic.it/dal-giornale/2013/08/12/foto/italia_incompiuta-1779445/14/ - media

http://www.comune.lamezia-terme.cz.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/2250

http://www.lametino.it/Ultimora/lamezia-crollato-pontile-area-ex-sir.html

http://www.ilquotidianodellacalabria.it/news/Il Quotidiano della Calabria/353198/Lamezia-crolla-il-pontile-dell-ex-Sir--In-40-anni-mai-entrato-in-funzione.html

http://regionali.wwf.it/client/regionali.aspx?content=0&root=8805&lang=it-IT

http://www.lametino.it/Ultime/lamezia-avviata-conferenza-servizi-su-analisi-rischi-e-relativa-bonifica-area-pontile-ex-sir.html

http://www.sapere.it/enciclopedia/SIR+(industria+chimica).html

http://www.calabriaonweb.it/2012/10/13/ombre-sullarea-industriale-di-lamezia/

http://www.lametino.it/Lamezia/area-ex-sir-tra-incuria-e-silenzi.html