Multiservice S.r.L. – Pagani (SA)

Da WikiSpesa.
Share/Save/Bookmark

Con la creazione della Multiservice S.r.L., a totale partecipazione comunale, la città di Pagani (provincia di Salerno), aveva esternalizzato la manutenzione delle strade e segnaletica, la cura e la gestione del verde pubblico, della pubblicità, della pubblica illuminazione e dei parcheggi.

A denunciare gli sprechi di tale gestione si è occupata la Corte dei Conti. L’indagine è nata dalla comunicazione di una deliberazione con la quale il consiglio comunale di Pagani aveva proceduto a riconoscere, quale debito fuori bilancio, la perdita della Multiservice s.r.l., per un importo pari ad € 668.013 relativa all’esercizio 2005. Dai bilanci del Comune e della sua partecipata è emerso che già nel 2004 la società aveva registrato un perdita pari a 484.063€, prontamente ripianata dal Comune. E in tutti gli anni successivi, fino al 2011, la Procura ha constatato che il Comune ha continuato a coprire perdite sempre maggiori senza pretendere dalla controllata alcun intervento gestionale:

La successiva attivitá della Procura ha portato a constatare che, negli anni successivi, la societá ha chiuso la propria attivitá con perdite di esercizio sempre maggiori; perdite che il Comune di Pagani ha proceduto incessantemente e ingiustificatamente a coprire, nonostante la sostanziale inerzia della società, le sue evidenti deficienze organizzative e l’assenza di strategie imprenditoriali che dovrebbero caratterizzare la gestione di una azienda, tanto più quando questa sia di natura pubblica [1].

L’inchiesta della Corte dei Conti, incentrata sulla facilità con cui i soldi delle casse comunali erano destinati a finanziare il lassismo della società partecipata, ha portato a 56 indagati tra ex amministratori pubblici, collegio dei revisori dei conti e membri del Cda. A costoro la Corte ha richiesto di restituire quattro milioni di euro [2]:

Complessivamente il danno erariale derivante dell'assenza di qualsivoglia piano strategico di risanamento volto a rimediare all'improduttivitá della società in questione è stato individuato in un importo complessivo di quasi quattro milioni di euro, quale somme sborsate dal Comune per ripianare, nel corso degli anni, le perdite di esercizio della stessa [3].

Dopo quasi un decennio di sprechi, la situazione debitoria di Multiservice S.r.L. mette ora a repentaglio la stabilità del Comune stesso. Nel maggio 2013, la società partecipata ha ricevuto una notifica di pignoramento da Equitalia per quasi 7 milioni di euro. Tale pignoramento è dovuto all'enorme mole di debiti accumulati negli anni dalla Multiservice nei confronti dell'erario, in seguito al mancato pagamento di imposte, tasse e contributi [4].

Il caso della Multiservice di Pagani, illustra bene l’inefficienza che può caratterizzare la gestione degli organismi partecipati dagli enti territoriali. In particolare, se un Ente territoriale (in questo caso il Comune) è chiamato a coprire ogni anno le perdite di bilancio della partecipata, la società in questione non avrà alcun incentivo ad evitare sprechi e ottimizzare la propria attività. Dalle società partecipate scaturiscono spesso, pertanto, danni per le casse pubbliche.