Portale:StupidarioLegislativo

Da WikiSpesa.
Share/Save/Bookmark

Regioni - Province - Comuni - Altri enti


Nord - Centro- Sud- Italia




{{{Dimensione_Immagine}}}

WikiSpesa - Stupidario Legislativo
Nel 2012 l’Istituto Bruno Leoni ha pubblicato un paper [1] sulle proposte di legge più pazze del Parlamento. Da allora la «follia» non si è naturalmente arrestata, e solo una rapida scorsa alle proposte depositate nell’ultimo mese conferma il sospetto che la regolamentazione selvaggia e ingiustificata è un sempreverde dei legislatori italiani. Si vuole legiferare su tutto, anche a costo di legiferare sul niente o di spendere vanamente i nostri soldi.

Pende ad esempio in Parlamento una proposta di legge per la “valorizzazione dei carnevali storici”, dove per valorizzazione si intende ovviamente una fitta pioggia di denaro pubblico. C’è n’è poi un’altra che vorrebbe istituire la “giornata nazionale della divisa amica”, qualunque cosa questo significhi, e un’altra ancora che vuole dedicare una giornata dell’anno a Plauto, il commediografo latino. Ancora: c’è chi propone di regolamentare le “misure per l’invecchiamento attivo”, e chi vorrebbe istituire il reato di “furto di rame”, al che viene spontaneo chiedersi perché non istituire anche il furto di mele, divani e pianoforti...come se non esistesse già il reato di furto punto.

Queste sono solo le ultime assurdità proposte al Parlamento, a riprova di una certa isteria collettiva legiferante che da sempre domina - trasversalmente - gli scranni di Montecitorio e Palazzo Madama. La convinzione sottesa a questo modus operandi dei nostri legislatori è che la politica dovrebbe occuparsi di ogni singolo aspetto della nostra vita, che senza una legge emanata a Roma gli abitanti di Borgo Val di Taro rimarranno indifferenti alle tradizioni del proprio carnevale locale, che senza un ddl apposito i furti di determinati beni non specificati in un testo giuridico rimarranno impuniti.

Che molte leggi si rivelino inutili e dannose è un’opinione condivisa. Ma sono con ogni probabilità più di quelle che non si immagini. Ecco perché l’Istituto Bruno Leoni ha pensato che non basta un paper a scovare le proposte di legge più assurde, e ha deciso di dedicare una sezione di Wikispesa alla loro raccolta. Anch’esse sono infatti uno spreco pubblico, in termini di tempo e energie dell’attività parlamentare, e quindi di soldi pubblici, anche quando non arrivano in porto. Com’è nello spirito di WikiSpesa, ovviamente, ogni segnalazione e/o contributo diretto è assolutamente il benvenuto, per questo il portale è aperto anche alle leggi regionali che ci vorrete segnalare o di cui vorrete scrivere direttamente voi.

A prestissimo

Lo staff di WikiSpesa





Ultime notizie.jpg
Ultime notizie